Orientare i giovani verso il futuro attraverso l’originale esperienza di alternanza scuola – lavoro proposta dal Liceo linguistico

Marzo 29, 2017 Commenti disabilitati su Orientare i giovani verso il futuro attraverso l’originale esperienza di alternanza scuola – lavoro proposta dal Liceo linguistico
Orientare i giovani verso il futuro attraverso l’originale esperienza di alternanza scuola – lavoro proposta dal Liceo linguistico

Se è vero che formare i giovani oggi permetterà di trasformare le regole del mondo del lavoro domani, noi del Liceo statale G. Marconi di Pescara ci stiamo lavorando, credendoci fino in fondo !

Quest’anno il L’Indirizzo di studi linguistici del Liceo G. Marconi si dedica a un progetto in collaborazione con il Museo delle genti d’Abruzzo che ha il duplice intento di fornire agli studenti nuovi strumenti di comprensione della realtà sociale e orientarli sul territorio.

Un’occasione importante è quella offerta dal progetto alternanza scuola- lavoro (c. 33 – 43 L. n°ー 107/2015)
con la supervisione e il coordinamento della Prof.ssa Roberta GIORGI, che realizza una svolta nella didattica attuale aggiungendo valore alle attività formative in quanto si occupa anche del concreto di imprenditorialità giovanile.

Un’altra esperienza che è tradizionalmente collegata al Liceo Linguistico riguarda gli scambi culturali, attività organizzata dalla Prof.ssa Enza INVERSO: si occupa dell’arrivo dei vari gruppi di studenti provenienti da Paesi europei e che da noi compiono un percorso di conoscenza e di arricchimento linguistico.

Quest’anno attendiamo l’arrivo di un gruppo di studenti russi e ciò non costituisce una novità per il Liceo linguistico che ogni anno accoglie gruppi provenienti d’oltralpe, ma quest’anno siamo pronti per l’accoglienza e la guida sul nostro territorio con un calendario particolarmente denso di impegni che parte dal giorno 3 Aprile con un’esperienza legata al Museo, nel centro storico, a due passi dal “tempio ” cittadino, la casa di Gabriele D’Annunzio.

Nei giorni seguenti gli ospiti russi potranno ammirare gli spazi naturali sotto l’egida del WWF; compiere esplorazioni dei tesori architettonici di città e dintorni insieme al FAI, ma riguardo a queste successive esperienze saranno abilitati a riferire i colleghi che se ne occupano.

In tal senso l’esperienza offerta rappresenta un ampliamento e potenziamento dell’offerta educativa riguardo all’acquisizione di competenze propedeutiche all’accesso al mondo del lavoro nel settore dei beni culturali, trasformando i saperi in future buone pratiche professionali.

In linea con gli obiettivi specifici del Liceo linguistico, tale progettazione di alternanza scuola- lavoro prevede lo sviluppo di abilità comunicative che riguarderanno il mondo lavorativo nel suo processo di cambiamento che sollecita la tendenza da promuovere nei giovani: Imprenditività, imprenditorialità e  mentalità ad esse relativa.

Il Museo delle genti d’Abruzzo ha elaborato il Progetto formativo “Alla scoperta della città e dei suoi musei” con la finalità principale di soddisfare bisogni di conoscenza e favorire l’acquisizione delle competenze-chiave oggi richieste dalla società complessa. In questo percorso saremo guidati dalla Dott.ssa Letizia LIZZA, nostra Tutor esterna che fin dall’inizio si è messa a nostra totale disposizione illustrando agli studenti tutti gli aspetti e le funzioni del Museo.

Gli incontri iniziali sono articolati in stage con tirocinio su tre tematiche di fondo:

A) il Museo dietro le quinte: un’occasione per analizzare gli spazi polifunzionali, le attività culturali, i servizi aggiuntivi e di gestione delle risorse

B) Pescara la città sul fiume: incontro in cui si traccia la storia della città a partire dai primi insediamenti del neolitico, fino allo smantellamento della fortezza all’indomani dell’unità d’Italia

C) i Mestieri dei musei con la Carta nazionale dei profili professionali nazionali, i requisiti d’accesso per gli incarichi, ambiti e competenze.

La preparazione al progetto è stata impegnativa, comprendendo un incontro-dibattito sul tema dell’Etica del lavoro (Prof. G. Dursi, Docente di Filosofia e Scienze umane) , per sensibilizzare i nostri giovani alla coscienza critica che riesca costruire una risorsa nuova per il “capitale umano”; uno stage sulla sicurezza con rilascio di attestato valido per future esperienze (ci si è avvalsi di competenze esterne alla scuola); corso di cultura d‘impresa (tenuto dalla Prof.ssa Mariagrazia Gigante, Docente di Diritto ed Economia) per comprendere le regole del mercato che vede pcome protagoniste le imprese; le opportunità e le risorse, ma anche gli impedimenti che potrebbero presentarsi all’agire dei giovani nel campo economico.

Perché scegliere il Museo? E’ presentato come una struttura lavorativa con regolamentazioni, organizzazione di staff, modello di riferimento di imprenditorialità; metodologie e procedure tutte da apprendere per questi giovani che nel giro di pochi anni diventeranno parte attiva dell’economia.

In primo piano l’Abruzzo: millenni di storia e di tradizioni che si snoderanno davanti agli occhi dei ragazzi russi, nostri ospiti, che, loro volta, sono portatori di una storia e una cultura straordinaria. Insieme ai nostri potranno confrontare usi e costumi, rintracciare e, soprattutto, apprezzare la diversità culturale, rilevando altresì, anche analogie e contatti.

Porte aperte di tutte le sale: dalla preistoria alle sale del Risorgimento. Documenti autorevoli, reperti di scavi e siti preistorici, testimonianze dirette, manufatti, ambienti ricostruiti tracceranno la storia, che non tutti gli autoctoni conoscono, dello sviluppo della città, dell’intreccio dei grandi eventi con quelli della quotidianità della povera gente.

Saranno i ragazzi stessi a calarsi nei panni di guida utilizzando la lingua degli ospiti, ma esercitando anche la loro competenza con una versione in inglese e in italiano.

A seguire un buffet di specialità tradizionali abruzzesi e italiane per con-dividere, con il cibo, un’altro canale, veicolo di significati simbolici altrettanto importanti.

Attraverso la degustazione dei sapori, i profumi, i modi di cottura, infatti 2narriamo” la storia della gente d’Abruzzo!

Vari giudizi oggi si stanno affrontando, nell’interazione quotidiana e sui social, circa l’utilità o l’inutilità di progettare esperienze di alternanza scuola-lavoro, riguardo alle reali abilità e competenze in gioco nel curricolo scolastico dei nostri ragazzi. Ma se i protagonisti sono loro; se possono sperimentare nuove forme di apprendimento, e stimolare la creatività, queste perplessità potrebbero essere superate. Noi al Marconi ci crediamo.

Nota a cura della Docente Tutor, Prof.ssa Adria Scarcella

Related Posts

Comments are closed.