A. s. 2014/2015 “Documenti 15 MAGGIO” Classi V Liceo statale G. Marconi di Pescara

Giugno 12, 2015 Commenti disabilitati su A. s. 2014/2015 “Documenti 15 MAGGIO” Classi V Liceo statale G. Marconi di Pescara
A. s. 2014/2015 “Documenti 15 MAGGIO” Classi V Liceo statale G. Marconi di Pescara

Il Consiglio delle Classi Quinte della Scuola Secondaria superiore, elabora entro il 15 maggio un documento, secondo le indicazioni del D.P.R. 323/98 art. 5 comma 2. Come indicato dal Decreto, il documento include contenuti, metodi, mezzi, spazi e i tempi del percorso formativo, criteri, strumenti di valutazione adottati e obiettivi raggiunti . L’articolo 5 comma 3 del decreto recita: «la Commissione entro il giorno successivo a quello di svolgimento della seconda prova definisce collegialmente la struttura della terza prova scritta in coerenza con quanto attestato nel documento di cui al comma 2. La mattina del giorno stabilito per lo svolgimento di detta prova, la commissione, in coerenza con quanto attestato nel predetto documento, predispone collegialmente il testo della terza prova scritta tenendo conto delle proposte avanzare da ciascuna componente». Pertanto, il Documento è fondamentale.  15 Maggio

Cosa contiene il documento:

informazioni di carattere generale sull’Istituzione Scolastica e sue finalità; descrizione della evoluzione storica della classe con eventuali variazioni dei componenti del consiglio; quadro del profilo della classe (composizione, metodo di studio, dinamiche relazionali, livelli generali raggiunti etc.); programmazione collegiale del Consiglio di Classe, con attenzione a obiettivi di apprendimento divisi per aree di pertinenza, metodologie didattiche, strumenti didattici utilizzati ed eventuali percorsi interdisciplinari; presentazione delle attività extra-curricolari; verifiche e valutazioni e parametri relativi alla valutazione finale; attività programmate dal Consiglio di Classe per l’Esame di Stato (ad es. le simulazioni delle prove d’esame, che dovranno essere allegate); informazioni relative alla conduzione del colloquio degli Esami di Stato (diviso in tre parti – presentazione della “percorso pluridisciplinare personale”, argomenti proposti al candidato; discussione degli elaborati relativi alle prove scritte) con relativa tempistica e griglia di valutazione da sottoporre alla Commissione, che la valuterà ai fini della sua adozione.

 Anno scolastico 2014 / 2015

Documenti 15 Maggio Classi V Liceo statale G. Marconi di Pescara

O.M. MIUR 11.05.2012, n. 41

Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado nelle scuole statali e non stataliO.M. MIUR 11.05.2012, n. 41 Legislazione e dottrina

Art. 6 – Documento del Consiglio di Classe

1. I consigli di classe dell’ultimo anno di corso elaborano, entro il 15 maggio, per la commissione d’esame, un apposito documento relativo all’azione educativa e didattica realizzata nell’ultimo anno di corso.

2. Tale documento indica i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati, gli obiettivi raggiunti, nonché ogni altro elemento che i consigli di classe ritengano significativo ai fini dello svolgimento degli esami.

3. Per quanto concerne gli istituti professionali, considerato per il corrente anno scolastico 2011/2012 quanto previsto dall’art. 8, comma 3, del D.P.R. 15 marzo 2010 n. 87, il documento deve recare specifiche indicazioni sul profilo e sulle competenze acquisite dagli allievi con riferimento alle esperienze, condotte sia nella classe IV che nella classe V, in alternanza scuola-lavoro. Le commissioni d’esame terranno conto di tali attività ed esperienze, ai fini dell’accertamento di conoscenze, competenze e capacità, in particolare per la configurazione della terza prova e nella conduzione del colloquio.

Nella Regione Lombardia, per i candidati di cui all’art. 2, comma 1, lettera e), il documento del consiglio di classe farà riferimento, in particolare, ai contenuti, ai metodi, ai mezzi, agli spazi e ai tempi del percorso formativo, nonché ai criteri, agli strumenti di valutazione adottati e agli obiettivi raggiunti ai fini dell’accertamento delle conoscenze, competenze e capacità, con specifico riferimento alla terza prova ed al colloquio. Il documento sarà approntato dal consiglio della classe dell’istituto professionale a cui i candidati sono stati assegnati in qualità di candidati interni, sulla base della relazione documentata di cui al citato art. 2, comma 1, lettera e). La struttura complessiva del documento della classe alla quale sono assegnati detti candidati, in coerenza con il successivo comma 4, si distinguerà in due, o più sezioni, ciascuna delle quali dedicata ad una delle articolazioni in cui si suddivide la classe-commissione.

4. Per le classi articolate e per i corsi destinati ad alunni provenienti da più classi, il documento di cui ai commi 1 e 2 è integrato con le relazioni dei docenti dei gruppi in cui eventualmente si è scomposta la classe o dei docenti che hanno guidato corsi destinati ad alunni provenienti da più classi.

5. Al documento stesso possono essere allegati eventuali atti relativi alle prove effettuate e alle iniziative realizzate durante l’anno in preparazione dell’esame di Stato, nonché alla partecipazione attiva e responsabile degli alunni ai sensi del Regolamento recante le norme dello Statuto delle studentesse e degli studenti emanato con D.P.R. n. 249 del 24/6/98, modificato dal D.P.R. 21-11-2007, n. 235.

6. Prima della elaborazione del testo definitivo del documento, i consigli di classe possono consultare, per eventuali proposte e osservazioni, la componente studentesca e quella dei genitori.

7. Il documento è immediatamente affisso all’albo dell’istituto e consegnato in copia a ciascun candidato. Chiunque ne abbia interesse può estrarne copia.

Related Posts

Comments are closed.