Niccolò Machiavelli: Popoli corrotti e città corrotte

Novembre 13, 2015 Commenti disabilitati su Niccolò Machiavelli: Popoli corrotti e città corrotte
Niccolò Machiavelli: Popoli corrotti e città corrotte

Uno popolo corrotto, venuto in libertà, si può con difficultà grandissima mantenere libero.

Io giudico ch’egli era necessario, o che i re si estinguessono in Roma, o che Roma in brevissimo tempo divenisse debole e di nessuno valore; perché, considerando a quanta corruzione erano venuti quelli re, se fossero seguitati così due o tre successioni, e che quella corruzione, che era in loro, si fosse cominciata ad istendere per le membra, come le membra fossero state corrotte, era impossibile mai più riformarla. Ma perdendo il capo quando il busto era intero, poterono facilmente ridursi a vivere liberi ed ordinati. E debbesi presupporre per cosa verissima, che una città corrotta che viva sotto uno principe, come che quel principe con tutta la sua stirpe si spenga, mai non si può ridurre libera, anzi conviene che l’un principe spenga l’altro: e sanza creazione d’uno nuovo signore non si posa mai, se già la bontà d’uno, insieme con la virtù, non la tenesse libera; ma durerà tanto quella libertà, quanto durerà la vita di quello: come intervenne, a Siracusa, di Dione e di Timoleone: la virtù de’ quali in diversi tempi, mentre vissono, tenne libera quella città; morti che furono, si ritornò nell’antica tirannide. [leggi tutto]

Da: Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio (1513 – 1519)

Fonte: ⇓

logoARIFS

Related Posts

Comments are closed.