Seminari formativi ABRUZZO SCUOLA DIGITALE del 3 e 4 Marzo 2016

Marzo 11, 2016 Commenti disabilitati su Seminari formativi ABRUZZO SCUOLA DIGITALE del 3 e 4 Marzo 2016
Seminari formativi ABRUZZO SCUOLA DIGITALE del 3 e 4 Marzo 2016

Giovedì 3 marzo 2016, a L’Aquila presso l’IIS “Da Vinci Colecchi”, e venerdì 4 marzo 2016, a Pescara presso l’IIS “Volta”, si sono svolte due giornate di formazione riservate agli Animatori digitali di tutte le scuole abruzzesi, ai docenti referenti della struttura di supporto al Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale e agli Ambassador Digitschool. Gli eventi sono stati organizzati, nell’ambito del progetto abruzzoscuoladigitale, dall’USR Abruzzo e dall’IIS “Volta”di Pescara.

La partecipazione dei docenti abruzzesi è stata elevata (in entrambe le date le sale erano pienissime) e i temi trattati, incentrati sui processi di innovazione della didattica attraverso le tecnologie, hanno suscitato un notevole interesse da parte degli intervenuti. Durante i due eventi si respirava una bella atmosfera di cordialità e coinvolgimento a testimonianza del fatto che eventi di questo tipo non sono semplici momenti di formazione ma anche occasioni importantissime di confronto e condivisione di idee ed esperienze.

Il lavori, ben organizzati dalle scuole ospitanti e dall’USR, in particolare dai Proff. Orsini e Toscano, sono stati coordinati dal Dirigente Tecnico Viriol D’Ambrosio.

20160304_Seminario ASD

Sessione mattutina

Ernesto Pellecchia, Direttore dell’USR Abruzzo, presente all’evento dell’Aquila, ha ricordato la finalità del progetto abruzzoscuoladigitale che è quella di sostenere le scuole abruzzesi nel processo di innovazione e miglioramento della didattica attraverso le tecnologie digitali. Il progetto ideato nell’aprile del 2014 e supportato fin dall’inizio dall’IIS “Alessandrini-Marino-Forti” di Teramo, Scuola2.0, è partito operativamente nell’ottobre 2014 con la realizzazione del sito e l’erogazione del questionario online sulla digitalizzazione delle scuole abruzzesi. Successivamente si è arricchito dell’apporto importante del Dirigente Tecnico Viriol D’Ambrosio ed è stata avviata l’azione riguardante il Piano di miglioramento della scuola digitale, alla cui attuazione collabora attualmente anche un gruppo di 16 scuole di supporto. Il Direttore ha sottolineato come il progetto abruzzoscuoladigitale rappresenti un’iniziativa apprezzata anche a livello nazionale, ha ringraziato quanti lavorano al progetto e incoraggiato i docenti presenti a partecipare attivamente al processo di innovazione che investe il sistema scolastico regionale.

Viriol D’Ambrosio, Dirigente Tecnico dell’USR Abruzzo, ha illustrato lo stato dell’arte dell’azione riguardante la compilazione del piano di miglioramento della Scuola digitale. I risultati sono finora lusinghieri, oltre il 95% degli Istituti abruzzesi hanno compilato il proprio Piano di miglioramento utilizzando la piattaforma appositamente implementata sul sito www.abruzzoscuoladigitale.it. Il dato dimostra che le scuole abruzzesi hanno compreso l’importanza metodologica e scientifica della pianificazione, ora più che mai necessaria per essere pronti a fruire delle ingenti risorse che il Miur ha messo o metterà a disposizione delle scuole italiane. A tale proposito ha riferito come il sistema scolastico abruzzese si sia distinto in ambito nazionale per la qualità e il numero di progetti finanziati nell’ambito dei PON 2014-2020. Ha quindi delineato scenari molto interessanti riguardanti lo sviluppo del Piano Nazionale della Scuola Digitale e del progetto abruzzoscuoladigitale. Ha infine anticipato che il 21 aprile 2016 si svolgerà un seminario formativo in cui verranno presentate le buone pratiche digitali realizzate nelle scuole abruzzesi.

Mauro De Berardis, Docente e animatore digitale dell’IIS ” Alessandrini-Marino-Forti” di Teramo, Scuola2.0 e Polo di riferimento regionale del progetto abruzzoscuoladigitale, si è rivolto soprattutto agli animatori digitali perché si facciano promotori della necessità di condividere sul sito www.abruzzoscuoladigitale.it le esperienze digitali realizzate nelle scuole abruzzesi. Ha rimarcato come la condivisione, ma in generale la cooperazione, sia una parola chiave della scuola digitale e possa innescare dinamiche virtuose di motivazione e coinvolgimento dei docenti. Ha inoltre fornito alcune cifre statistiche riguardanti il numero di visitatori e iscritti all’area riservata del sito che ha una buona visibilità ma può e deve crescere con il contributo di tutte le scuole abruzzesi. Riguardo al Seminario regionale del 21 aprile 2016, ha preannunciato che sul sito sarà approntata un’area in cui raccogliere le candidature delle scuole che vorranno raccontare le buone pratiche e gli approcci innovativi attuati nella didattica e nell’organizzazione scolastica. Le candidature potranno pervenire fin d’ora e fino all’8 aprile 2016 all’indirizzo info@abruzzoscuoladigitale.it.

Maria Pia Lentinio, Ds dell’IIS “Volta” di Pescara, Scuola capofila per la formazione degli Animatori Digitali, ha presentato il progetto formativo regionale, che avrà inizio in tutta Italia dopo la metà di marzo, fornendo alcun riferimenti di legge. In anteprima ha annunciato la novità del “team dell’innovazione” ovvero un team di 3 docenti per ogni Istituto che sarà istituito per supportare e accompagnare l’innovazione didattica delle scuole e l’attività dell’animatore digitale. Gli snodi formativi del progetto, che si avvarrà della collaborazione delle Università di Chieti e dell’Aquila, sono i seguenti:
1. IIS Volta – Pescara (scuola capofila)
2. IIS Alessandrini – Marino Forti – Teramo
3. Liceo Scientifico Curie – Giulianova (TE)
4. IIS Mattei – Vasto (CH)
5. IIS L. di Savoia – Chieti
6. IIS Patini – Liberatore – Castel di Sangro (AQ)
7. IIS A. D’Aosta – L’Aquila
Contemporaneamente all’inizio dei corsi, che presumibimente si concluderanno entro settembre 2016, il MIUR attiverà una piattaforma online per gestire le comunicazioni con gli animatori e fornire allo stesso tempo un utile strumento di condivisione.

Marisa Di Luca, Docente e animatore digitale dell’IIS “Volta” di Pescara, ha illustrato in dettaglio i temi che saranno sviluppati nel progetto formativo. Le aree interessate sono: l’area progettazione, l’area delle competenze e dei contenuti, l’area della formazione e l’accompagnamento. Si punterà sulla qualità della formazione e gli animatori digitali delle sette scuole che costituiscono gli snodi formativi, costituiranno un comitato tecnico-scientifico che promuoverà e supporterà la collaborazione permanente tra gli animatori digitali di tutte le scuole abruzzesi. Ha inoltre annunciato che un buon numero di animatori abruzzesi parteciperà a stages formativi all’estero, nell’ambito del progetto Erasmus.

Michele Pellerey, Professore Ordinario Emerito di Didattica nella Facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università Pontificia Salesiana, autore di numerosissimi libri e pubblicazioni su temi della didattica e della pedagogia, ha sviluppato il tema ” Integrare le tecnologie digitali a livello istituzionale e didattico. Orientamenti per una progettazione consapevole e (si spera) efficace”. Partendo da alcune constatazioni e criticità emerse a livello mondiale, in particolare dal dibattito riguardante l’efficacia o meno dell’introduzione massiccia delle tecnologie digitali a scuola, Il Professore emerito ha delineato 5 passi da fare per realizzare una progettazione consapevole e (forse) efficace:
1. Integrare il quadro formativo e delle finalità educative con l’esigenza di sviluppo delle competenze digitali
2. Integrare la comunità educativa reale considerata nelle sue varie articolazioni con lo sviluppo di ai una comunità virtuale secondo le stesse articolazioni
3. Integrare in maniera valida e funzionale gli ambienti e le attività educativi e formativi con la presenza delle tecnologie digitali, in particolare mobili
4. Integrare i percorsi educativi e formativi con attività ed esperienze legate alla valorizzazione delle tecnologie digitali mobili, anche in vista dello sviluppo della capacità di autoregolazione del proprio apprendimento in contesti da esse arricchiti
5. Integrare nella progettazione didattica, nella realizzazione delle lezioni e nella valutazione degli apprendimenti disciplinari l’utilizzo delle tecnologie digitali mobili
I partecipanti hanno seguito con attenzione la relazione del Professor Pellerey, che è riduttivo raccontare in poche righe, tributandogli calorosi e lunghi applausi. Sicuramente è stato un intervento, per la chiara fama del relatore e per la qualità, che ha conferito un grande valore aggiunto ai due seminari.

Roberto Salvatori, Docente dell’IIS “Pascal-Comi” di Teramo, ha sviluppato il tema ” Didattica e multimedialità. Tecnologie informatiche e life skills”. Presentando anche dei simpatici filmati, ha tracciato l’evoluzione dei metodi didattici di insegnamento dal dopo guerra in poi evidenziando come la ricerca delle motivazioni e della partecipazione da parte degli studenti sia stata e continui ad essere una carta vincente per rendere interessante ed efficace l’azione educativa e didattica. Le tecnologie digitali, se ben utilizzate, possono essere uno strumento efficace per acquisire le life skills, ovvero quelle competenze che consentono alle persone di operare sul piano individuale e sociale e lo accompagneranno per tutta la vita.

Davide Di Camillo, Teacher Ambassador della Microsoft, ha presentato la piattaforma di servizi Office 365 Education , che grazie ad un accordo con il MIUR, sarà gratuita per tutte le scuole italiane. La piattaforma consente di utilizzare il cloud per gestire classi virtuali, per condividere materiali didattici e per preparare lezioni online. Grazie al supporto di Skype, la piattaforma consentirà di realizzare facilmente webinar e video conferenze.

Giovanni Pisano, Ingegnere esperto di Project Management, ha affrontato il tema “Metodologia di controllo dei progetti”. Facendo riferimento al Piano di miglioramento della Scuola digitale, cui ha collaborato, per la progettazione del format, insieme con il Dirigente Tecnico Viriol D’Ambrosio e il Prof. Mauro De Berardis, ha proposto il modello scientifico PDCA (Plan-Do-Check-Act) che, applicato con scrupolo,  consente il miglioramento continuo dei processi e l’utilizzo ottimale delle risorse. Il project management conferisce un elevato valore aggiunto al Piano di miglioramento perché grazie alla pianificazione iniziale e ancor più al controllo, inteso come verifica dei risultati raggiunti rispetto a quelli attesi e conseguente azione correttiva, aumenta sensibilmente la possibilità di raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Dopo la pausa pranzo, occasione di ristoro ma soprattutto di socializzazione e confronto, si sono svolti i laboratori e i workshop pomeridiani, rivolti ciascuno a gruppi di 20/25 docenti.

Sessione pomeridiana

  1. Michele Pellerey – Le competenze digitali: che cosa sono, come si sviluppano, come si valutano
  2. Giovanni Pisano, Giorgia Ortu La Barbera – Simulazione di avanzamento e controllo dei progetti e metodologia di problem solving
  3. Davide Di Camillo – Servizi della piattaforma Office 365 Education (Sway, …)
  4. Salvatore Gammella e Massimo Malacarne (in videoconferenza) – Servizi della piattaforma Office 365 Education (Onenote ClassNoteBook Creator, …)
  5. Roberto Salvatori –Portali web scolastici, creazione, gestione e aspetti giuridici (solo al Seminario dell’Aquila)
  6. Viriol D’Ambrosio, Mauro De Berardis, Maria Gabriella Orsini, Enzo F. Toscano – Focus group: Monitoraggio del Progetto Regionale Abruzzo Scuola Digitale (Docenti della struttura di supporto al Progetto Regionale Abruzzo Scuola Digitale)

Link alla galleria fotografica

Relazioni

Related Posts

Comments are closed.