Sostiene Dursi . . . sulla comunicazione istituzionale e correlate modalità digitali

maggio 7, 2017 Commenti disabilitati su Sostiene Dursi . . . sulla comunicazione istituzionale e correlate modalità digitali
Sostiene Dursi . . . sulla comunicazione istituzionale e correlate modalità digitali

“Non possiamo pretendere che le cose cambino,

se continuiamo a fare le stesse cose” – Albert Einstein

“La smetta di frequentare il passato, cerchi di frequentare il futuro”

dal libro Sostiene Pereira. Una testimoninaza di Antonio Tabucchi

Occuparsi di comunicazione istituzionale ai tempi dell’innovazione digitale delle prassi informativo-sociali è una delle sfide della Pubblica Amministrazione degli ultimi anni.

Ridotta ad ancella per decenni, talvolta confusa con la comunicazione psedudogiornlistica, la comunicazione istituzionale è oggi cruciale per garantire informazione in tempo reale, per spiegare l’erogazione dei servizi (nelle fattispecie, il servizio scolastico ed il PtOF) e per riavvicinare i cittadini alle istituzioni (nella fattispecie, ad esempio, l’attività d’orientamento in ingresso).

La comunicazione non si limita a narrare, è essa stessa un’attività. La comunicazione digitale, in particolare, è diventata in poco tempo lo strumento più utilizzato da amministrazioni centrali e periferiche. È evidente che non si tratta di mera tecnicalità. Ogni contenuto informativo, tanto più se pubblico e di servizio, deve essere pensato, ragionato, espresso oggettivamente , sempre nel rispetto delle norme e della missione istituzionale dell’ente che si rappresenta. In sintesi, ogni contenuto anche minimo deve essere reso chiaro sia nel senso che nel segno grafico e – soprattutto – nella finalità (comprensibile, facile da decodificare ed accessibile ai destinatari che si intende privilegiare). Ed ovviamente trasparente. Protagonista della comunicazione istituzionale on line del Liceo è il web site, quasi un giornale on line che aspira a diventare molto di più di una vetrina della scuola: in esso si uniscono finalità divulgative sulla missione istituzionale del Liceo con quella di servizio.

Come è evidente a tutti i membri della comunità scolastica, non è ancora del tutto compresa la differenza tra giornalismo, psedudogiornalismo ed attività di informazione e comunicazione pubblica ed istituzionale (disciplinata dalla L. 7 Giugno 2000, n° 150) per raccontare le molteplici azioni dell’Amministrazione scolastica. Si manifestano ancora – nonostante la creazione di momenti di confronto, d’esplicita volontà di collaborazione e di impegno sinergico ed operativo per valorizzare eventuali professionalità e competenze specifiche – 1) iniziative autoreferenziali, 2) uso non congruo degli strumenti (eclatante l’occupazione di spazi del Registro elettronico dedicato alla “Didattica” per diffondere personali scritture giornalistiche …, fermo restando alcune inefficienze di “ClasseViva” che vanno eliminate), 3) insistenti astratte rivendicazioni 4) richieste di incremento nella produzione di strumenti e contenuti informativi a disposizione della scuola senza, però, mettere in cantiere una – pur sollecitata – adeguata progettazione, infine, 5) si mostra una propensione ad una viscerale ansia nel voler criticare l’operato altrui oscurando, svalorizzando e/o trascurando ciò che già è a disposizione della comunità scolastica ed è condivisibile a livello collegiale.

Pertanto, nell’attesa di Linee guida sulla comunicazione pubblica ed istituzionale che contrastino derive confusionarie e l’individualismo, si ripropone il testo del 23 Marzo (a cura del Collaboratore di Presidenza Area comunicazione pubblica ed istituzionale) come base di miglioramento d’una importante attività, mettendo a sistema esperienze e professionalità che lavorano da anni nell’area della comunicazione istituzionale e della communication web e social media.

Con l’umiltà richiesta a tutti e con la determinazione della testimonianza del rigore tecnico-professionale.

Il Collaboratore di Presidenza

Area comunicazione pubblica ed istituzionale

Prof. G. Dursi

Maggio 2017

Allegato 1: Briefing di professionalità – Aprile 2017

Allegato 2: “Cultura digitale” – Media education: materiali didattici

Related Posts

Comments are closed.