DPCM 13 Ottobre 2020: ecco le principali novità

Ottobre 15, 2020 No Comments »
DPCM 13 Ottobre 2020: ecco le principali novità

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del
13 ottobre 2020 sulle misure di contrasto e contenimento dell’emergenza
Covid-19.

Il decreto è in corso di registrazione in Gazzetta Ufficiale.

SCARICA IL DPCM

SCARICA GLI ALLEGATI

Riepiloghiamo di seguito le principali novità, con un’attenzione alla scuola.

Obbligo di mascherine e altre misure

È fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con
sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, nonché obbligo di
indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in
tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui, per le
caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita
in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non
conviventi, e comunque con salvezza dei protocolli e delle linee guida
anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive,
amministrative e sociali, nonché delle linee guida per il consumo di
cibi e bevande, e con esclusione dei predetti obblighi:

  • a) per i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva;
  • b) per i bambini di età inferiore ai sei anni;
  • c) per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso
    della mascherina, nonché per coloro che per interagire con i predetti
    versino nella stessa incompatibilità.

È fortemente raccomandato l’uso dei dispositivi di protezione delle
vie respiratorie anche all’interno delle abitazioni private in presenza
di persone non conviventi.

Possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte,
in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al
contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza
adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

L’utilizzo delle mascherine di comunità si aggiunge alle altre misure
di protezione finalizzate alla riduzione del contagio (come il distanziamento fisico e l’igiene costante e accurata delle mani) che restano invariate e prioritarie.

È inoltre obbligatorio mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, fatte salve le eccezioni già previste e validate dal Comitato tecnico-scientifico.

Con la febbre non si esce

I soggetti con infezione respiratoria caratterizzata da febbre
(maggiore di 37,5°) devono rimanere presso il proprio domicilio,
contattando il proprio medico curante.

Attività sportiva o motioria all’aperto

Si può svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto,
anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, purché comunque nel
rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri
per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività
salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i
minori o le persone non completamente autosufficienti.

Riunioni degli organi collegiali

Le riunioni degli organi collegiali delle istituzioni scolastiche ed
educative di ogni ordine e grado possono essere svolte in presenza o a
distanza sulla base della possibilità di garantire il distanziamento
fisico e, di conseguenza, la sicurezza del personale convocato.

Persone con disabilità

Le persone con disabilità motorie o con disturbi dello spettro
autistico, disabilità intellettiva o sensoriale o problematiche
psichiatriche e comportamentali o non autosufficienti con necessità di
supporto, possono ridurre il distanziamento sociale con i propri
accompagnatori o operatori di assistenza, operanti a qualsiasi titolo,
al di sotto della distanza prevista.

Utilizzo di spazi della scuola per attività extrascolastiche

L’ente proprietario dell’immobile può autorizzare, in raccordo con le
istituzioni scolastiche, l’ente gestore ad utilizzarne gli spazi per
l’organizzazione e lo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed
educative, non scolastiche né formali, senza pregiudizio alcuno per le
attività delle istituzioni scolastiche medesime. Le attività dovranno
essere svolte con l’ausilio di personale qualificato, e con obbligo a
carico dei gestori di adottare appositi protocolli di sicurezza conformi
alle linee guida di cui all’allegato 8 e di procedere alle attività di
pulizia e igienizzazione necessarie. Alle medesime condizioni, possono
essere utilizzati anche centri sportivi pubblici o privati.

Stop alle gite e gemellaggi, sì ai PCTO

Sono sospesi i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o
gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque
denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e
grado, fatte salve le attività inerenti i percorsi per le competenze
trasversali e per l’orientamento, nonché le attività di tirocinio, da
svolgersi nei casi in cui sia possibile garantire il rispetto delle
prescrizioni sanitarie e di sicurezza vigenti.

Informazione

Nei servizi educativi per l’infanzia, nelle scuole di ogni ordine e
grado, nelle università, negli uffici delle restanti pubbliche
amministrazioni, sono esposte presso gli ambienti aperti al pubblico,
ovvero di maggiore affollamento e transito, le informazioni sulle misure
di prevenzione igienico sanitarie di cui all’allegato 19.

Disinfettanti per l’igiene delle mani

Nelle pubbliche amministrazioni e in tutti i locali aperti al
pubblico sono messe a disposizione degli addetti, nonché degli utenti e
visitatori, soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani.

Efficacia delle norme

Le disposizioni del decreto si applicano dalla data del 14 ottobre 2020 in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 agosto 2020, come prorogato dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 settembre 2020, e sono efficaci fino al 13 Novembre 2020

Related Posts

Leave A Response